Due geni per il nuovo “Aladin”, al Brancaccio di Roma dal 9 ottobre

pubblicato su ParoleaColori

C’era una volta, in una città dell’Oriente, un ragazzo di nome Aladino, figlio di un sarto che però non aveva alcuna voglia di seguire le orme paterne. Il ragazzo trascorreva le sue giornate bighellonando in giro, sino all’incontro con la principessa Jasmine e con il Genio della lampada, che gli cambieranno la vita.

Liberamente ispirato a una delle più celebri storie delle “Mille e una notte”, apre la stagione 2019/2020 del teatro Brancaccio di Roma “Aladin il Musical Geniale” (9 ottobre-8 dicembre 2019), ideato e diretto da Maurizio Colombi.

Ma non lasciatevi ingannare! Questa non è una mera trasposizione, in salsa musical, di una fiaba che ha incantato generazioni di giovani e meno giovani, ma una vera e propria reinterpretazione, con diverse novità rispetto all’originale. Quella che più salta all’occhio è la presenza, accanto al Genio della lampada, di un secondo Genio, dell’anello.

La scenografia è sontuosa, in stile medio-orientale, con alcune contaminazioni bollywoodiane nelle musiche originali – composte da Davide Magnabosco, che suonerà anche dei pezzi live nel corso dello show -, nelle coreografie e nei costumi. Venti gli artisti coinvolti, tra attori, cantanti e ballerini; un centinaio i costumi realizzati ad hoc.

Maurizio Colombi, autore e regista, e Alessandro Longobardi, direttore artistico del Brancaccio, dopo i grandissimi successi di pubblico e critica ottenuti con i musical “Rapunzel”, “La Regina di Ghiaccio” e “Peter Pan”, tornano a collaborare in “Aladin”, uno spettacolo spumeggiante e colorato che parte dalla tradizione per dare vita a una fiaba moderna, che piacerà a grandi e piccini.

Nel ruolo dei protagonisti, Aladin e Jasmine, due giovanissimi attori: Leonardo Cecchi, protagonista della serie Disney “Alex & Co.”, ed Emanuela Rei, co-protagonista della serie tv “Maggie & Bianca Fashion Friends”.

E gli ideatori hanno deciso di affiancare al musical un contest rivolto alla scuole capitoline: “Aladin, un’idea geniale per la tua città”. Proprio come il genio che può esaudire solo desideri altruistici, gli studenti dovranno proporre idee per la collettività, per l’area che sta loro più a cuore. Le migliori verranno pubblicate online, nella speranza che qualcuno possa trasformare i desideri in realtà.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: