#Cinema: Ai confini del male

Il nuovo film di Vincenzo Alfieri – disponibile dal 1° novembre su Sky Cinema, in streaming su Now tv on demand – è un thriller adrenalinico che riflette sul rapporto genitori-figli e si interroga su dove si è disposti ad arrivare per proteggere chi si ama. 

Liberamente tratto dall’omonimo romanzo di Giorgio Glaviano, “Ai confini del male” di Vincenzo Alfieri, prodotto da Fulvio e Federica Lucisano, una produzione Italian International Film – Gruppo Lucisano e Vision Distribution, dal 1° novembre su Sky Cinema e, in streaming, on demand, su Now Tv, è un thriller adrenalinico che, nonostante qualche trascurabile ingenuità, appare ben costruito e godibile. 

In uno sperduto paesino ai limiti del bosco della campagna laziale, non distante dalla Capitale, due giovani scompaiono dopo una notte ad un rave. Adele e Luca sono ragazzi di buona famiglia, quest’ultimo, peraltro, è il figlio del comandante Rio (Massimo Popolizio), un uomo integerrimo disposto a dare la vita per la divisa che indossa. Il rapimento si consuma a 10 anni esatti da un caso irrisolto – quello dell’Orco – che aveva portato alla morte di diversi giovani ed era costato la carriera allo stesso Rio. I numerosi punti di contatto con il caso precedente lasciano presagire un ritorno del mostro, riapparso forse per vendetta. Le indagini sulla scomparsa di Luca e Adele si incrociano a quelle condotte, nel frattempo, dal tenente Meda (Edoardo Pesce) – meglio noto come ‘il cane pazzo’ per i suoi scatti incontrollati – sulla sparizione di Irina, figlia dell’ex prostituta Nevena, che non sembra interessare nessuno. Meda è un antieroe, solitario, che dopo la perdita di sua moglie e di suo figlio in un incidente automobilistico, di cui si ritiene unico responsabile – un evento dal quale non si è più ripreso – trascorre le sue giornate passando da un eccesso all’altro, tra alcool e sesso occasionale con le prostitute di turno. 

E’ così che le strade di due uomini così diversi – l’integerrimo Comandante Rio e il Tenente Meda – sembrano incontrarsi e scontrarsi in una lotta tra il bene e il male, una sorta di giano bifronte dei nostri tempi. 

 Si tratta di un thriller pieno di colpi di scena e dal finale davvero imprevedibile, caratterizzato da atmosfere cupe che ammiccano agli scandinavi, maestri del genere. Particolarmente azzeccati i due comprimari, che regalano un’interpretazione eccellente al Comandante Rio e al Tenente Meda. 

Il film è tuttavia anche una riflessione sul rapporto tra genitori e figli e su quanto si è disposti a mettere in gioco per salvare questi ultimi, talvolta ben oltre i confini del male.  

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: