Abel e Lukas in volo verso la libertà

http://opinione.it/cultura/2016/09/29/dalessandri_cultura-29-09/

Anche in mondi lontani a volte si trovano elementi comuni. Abel è un cucciolo di aquila, scacciato dal nido dal fratello più grande e più forte. Lukas è un “cucciolo d’uomo”, triste e solitario. Dopo la perdita di sua madre, morta nel tentativo di salvarlo dalle fiamme che divampavano nella loro casa, Lukas si sente respinto da suo padre che, chiuso nel suo personale dolore, non riesce a comunicare con il figlio, verso il quale mostra anzi grande freddezza, quasi rabbia.

Lukas è cresciuto solo nei boschi di montagna, ed è proprio lì che un giorno incontra l’aquilotto che sulla base del racconto biblico di Caino e Abele chiamerà Abel, certo però, questa volta, di poter scrivere una storia diversa. Entrambi soli, entrambi feriti nel profondo dell’animo, Lukas e Abel riusciranno a crescere e a spiccare il volo proprio grazie alla loro amicizia e fiducia reciproca.

Narrato quasi fosse una favola dalla voce di Jean Reno, peraltro coprotagonista, il film, a cavallo tra un documentario e un’opera di finzione, risulta particolarmente toccante grazie alla grande bravura dell’esordiente Manuel Camacho (Lukas) e di Tobias Moretti (nel ruolo di suo padre).

Commovente l’impegno e l’amore che Lukas mette nell’accudire e nell’addestrare il suo aquilotto, cui un giorno donerà la libertà. Una storia toccante di amicizia che lascia un messaggio importante a grandi e piccoli: per crescere e fortificarci abbiamo bisogno del sostegno delle persone che amiamo che, una volta diventati grandi, dovranno accettare di lasciarci volare via.

Nato come un documentario sulla vita delle aquile, Abel il figlio del vento, in sala da oggi, è stato trasformato in un lungometraggio di finzione grazie alla collaborazione tra i registi Gerardo Olivares e Otmar Penker. Tuttavia le caratteristiche tipiche del documentario sono rimaste particolarmente visibili in una narrazione dettagliata sulla vita di questi rapaci e del loro habitat, dalla caccia alla lotta per la sopravvivenza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: