#Libri: ‘Tutto Cambia’, l’ultimo volume della saga dei Cazalet

Elizabeth Jane Howard con “Tutto Cambia”, pubblicato da Fazi nel 2017 (526pp, 17 Euro) chiude la saga dei Cazalet che ha accompagnato il lettore per oltre 3mila pagine. In quest’ultimo volume è la malinconia a farla da padrone: siamo a metà degli anni ’50, che hanno spazzato via gli ultimi retaggi di un passato ormai al tramonto – fatto di tradizione e classi sociali – di cui i Cazalet facevano pienamente parte.

La narrazione si apre con la morte della Duchessa, ultimo baluardo di una stagione che non tornerà più. Rachel assisterà poco dopo anche alla dolorosa perdita della sua cara Sid. Louise, ormai divorziata, lavora come modella e gestisce una relazione ‘pericolosa’; Polly e Clary, sposate e con prole, stentano a conciliare le loro ambizioni con la gestione familiare. Edward e Hugh, ormai sessantenni, assistono al cambiamento dei tempi incapaci di adeguarvisi. L’impresa di legnami di famiglia si avvia verso il tracollo finanziario e i fratelli appaiono impotenti di fronte all’inevitabile. Solo Rupert sembra in grado di reagire, tornando alla sua vecchia passione: la pittura. Il fallimento della Cazalet segnerà anche la scomparsa della casa di Home Place, quel luogo in cui tutto aveva avuto inizio. La famiglia trascorrerà lì un ultimo Natale, con una nuova e numerosa generazione di Cazalet. Una cosa è certa: nulla sarà come prima. Come nel primo volume, anche in questo conclusivo, la narrazione riprende corale e l’autrice si dimostra un’eccellente direttrice nell’orchestrare le loro vicende. La prosa è come sempre fluida, accattivante e particolarmente attenta alle esigenze di un pubblico moderno. A dominare è un forte senso di transitorietà. Stante l’attenzione alle case e agli oggetti, che sembrano quasi voler dare un senso di continuità alla vita, tutto cambia sembra suggerire l’autrice, e tutto appare precario, come i legami tra le persone. Alla Howard va riconosciuta, ancora una volta, una grande profondità di analisi indagata con un contegno tipicamente inglese. Eccellente la traduzione italiana curata da Manuela Francescon.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: